DELLEPIANE & PARTNERS

News e scadenze

Criminalità ambientale: il Parlamento eruopeo approva Direttiva che prevede nuovi reati e sanzioni
4 Mar, 2024

Con 499 voti favorevoli, 100 contrari e 23 astensioni il Parlamento europeo ha approvato, in via definitiva, nuove misure e sanzioni per contrastare la criminalità ambientale.

La nuova Direttiva, concordata con il Consiglio il 16 novembre 2023, prevede nuovi tipi di reati contro l’ambiente, tra cui:

  • il commercio illegale di legname;
  • l’esaurimento delle risorse idriche;
  • le gravi violazioni della legislazione dell’UE in materia di sostanze chimiche;
  • l’inquinamento provocato dalle navi.

Introdotti anche i cosiddetti “reati qualificati”, ossia quelli che portano alla distruzione di un ecosistema e sono quindi paragonabili all’ecocidio, come ad esempio gli incendi boschivi su vasta scala o l’inquinamento diffuso di aria, acqua e suolo.

Le sanzioni previste per i nuovi reati
Prevista la reclusione, a seconda della durata, della gravità o della reversibilità del danno, per i reati ambientali commessi da persone fisiche e rappresentanti d’impresa.
Più in dettaglio:

  • per i cosiddetti reati qualificati, il massimo è di 8 anni di reclusione;
  • per quelli che causano la morte di una persona 10 anni;
  • per tutti gli altri 5 anni.

I trasgressori dovranno risarcire il danno causato e ripristinare l’ambiente danneggiato, oltre a possibili sanzioni pecuniarie. 
Per le imprese l’importo cambierà a seconda della natura del reato: potrà essere pari al 3 o 5% del fatturato annuo mondiale o, in alternativa, a 24 o 40 milioni di euro. 
Gli Stati membri potranno decidere se perseguire i reati commessi al di fuori del loro territorio.

DELLEPIANE & PARTNERS

Contattaci

Via XII Ottobre 1 P6 - 16121 Genova

Sede legale: Via Assab 39/8 - 16131 Genova

segreteria@studiodellepiane.net

+39 346 604 80 80

P. IVA 00694970104

CHIEDI INFORMAZIONI

Invia un messaggio

Privacy Policy

website by superbamedia.ch